RACCOLTA DEI RIFIUTI, IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

I dati di Veritas sono entusiasmanti: dimostrano l’efficacia del nuovo sistema di raccolta che abbiamo introdotto e ci confermano che abbiamo imboccato la strada giusta. D’altronde non è un caso se su un totale di 579 Comuni veneti, ben 502 fanno la raccolta porta a porta e altri 43 adottano un sistema misto. Stiamo parlando dell’80% dei Comuni della nostra Regione, per un totale di quasi 4 milioni di cittadini.  

I dati relativi agli anni 2014, 2015 e 2016 dimostrano una grande riduzione di rifiuti urbani prodotti, calati di oltre il 20% pro-capite. Parallelamente è aumentata la percentuale di rifiuti differenziati raccolti ed è aumentata la loro qualità.

Rispetto all’anno 2014, nel 2016 è stata prodotta la metà del rifiuto secco, passando da 7.072 tonnellate a 3.788 tonnellate. Anche per il verde è stata registrata un’importante riduzione di rifiuti (-54%) passando tra 3.700 tonnellate del 2015 a 1.735 del 2016.

Parallelamente è aumentata la quantità di rifiuti riciclabili per quanto riguarda la carta (+7%), la plastica, il vetro e le lattine (+10%), l’umido (+ 26%).

Complessivamente i dati forniti da Veritas dimostrano che a Mira tra il 2015 e il 2016 la quantità di rifiuti urbani prodotti è diminuita del 23% passando da 19.336 tonnellate a 14.813 tonnellate.

La riduzione globale del 2016, rispetto al 2015, dimostra anche che in precedenza c’era un importante flusso di rifiuti proveniente da fuori Comune, che ora è invece stato eliminato dal nostro sistema.

Un altro aspetto molto importante da evidenziare è l’aumento di percentuale di raccolta differenziata. Nel 2014 il dato su base annua era del 59%, il 2016 si è chiuso con il dato di 71% ma va specificato che nel secondo semestre del 2016 il dato aumenta attestandosi addirittura al 77%.

Tale aumento della raccolta differenziata ha consentito al Comune di Mira di fare un grande balzo in avanti passando da essere l’ultimo del comprensorio Riviera-Miranese fino ad entrare per la prima volta nella classifica "Top Ten" di Veritas relativa ai Comuni più virtuosi in tema di raccolta differenziata.

Questi dati sono stati raggiunti nonostante si stia parlando di un periodo di transizione da un sistema all’altro: questo lascia prevedere per i prossimi anni risultati sempre migliori.

Oltre all’aumento della percentuale di raccolta differenziata, si evidenzia anche una diminuzione degli errati conferimenti (i cosiddetti "scarti" della raccolta differenziata): da questo punto di vista Mira risulta infatti essere tra i migliori Comuni del comprensorio.

Ottimi risultati, infine, arrivano anche dai dati relativi agli abbandoni: dal 2015 al 2016 si è passati da 807 tonnellate a 600 tonnellate, con una diminuzione del 26%.

Il Piano Finanziario assestato, aggiornato con le quantità di rifiuti al 30 novembre 2016, dimostra già un risparmio complessivo di oltre 260mila euro per le utenze.

Siamo certi che grazie alla collaborazione di tutti i cittadini questo metodo consentirà a Mira di restare al passo con le migliori città del Veneto e ci permetterà di raggiungere obiettivi ambiziosi, prefissati dalle stringenti normative ambientali, e mai raggiunti nella storia di Mira. Ottenere risultati così significativi consentirà ai cittadini di risparmiare sulla tassa dei rifiuti. Ricordiamo che l’aspetto più importante è quello ambientale. Stiamo lasciando ai nostri figli una marea di rifiuti in meno e questo gioverà sicuramente al loro ambiente e alla loro salute. I cittadini stanno pagando come prima, o anche meno, per ottenere dei risultati straordinariamente migliori.

 

Il sindaco Alvise Maniero

L'assessora All'Ambiente Maria Grazia Sanginiti

 

 

 

pubblicata il 25 gennaio 2017
<<
<
 ... 72737475767778798081 ... 
>
>>